Ecco un anticipazione della sessione di domande dei fans e risposte di Jon durante i due concerti acustici avvenuti durate il Runaway To Paradise, la crociera nel mediterraneo con JBJ.

Jon ha detto che il prossimo album si intitolerà semplicemente  “BON JOVI 2020“, il momento di THINFS è superato, si guarda avanti e Jon è pronto come sempre. Il nuovo album sarà politicamente impegnato e parlerà anche dei problemi gravi e generali che stiamo attraversando in questi anni. Nei testi delle canzoni un misto tra These Days e Bounce.

Ha continuato dicendo che This House Is Not For Sale del 2016 è stato un album molto personale, dove le canzoni parlavano dei momenti, anche molto difficili, e di tutte le emozioni del triennio 2013-2016 dovuti anche all‘abbandono della band di Richie, incomprensioni con la casa discografica e altre situazioni personali. 

JBJ – “Il significato che c’è dietro al nuovo album è ovvio: il 2020 in USA è un anno elettorale e… non sono riuscito a fare di peggio“, ha detto Jon ridendo  “E ho anche una visione chiara del futuro. THINFS parlava di molte questioni personali, e ora è alle spalle. Quindi BON JOVI 2020 è pronto e guarda al futuro“.

Jon ha proseguti dicendo che negli ultimi si è guardato molto dentro, emozioni personali, mentre con BJ 2020 ha guardato verso l’esterno e al mondo e il nuovo album lo riflette.

JBJ – “Penso di essere molto contento“, ha detto. “Ho scritto un sacco di canzoni molto diverse. Non aspettatevi più “You Give Love A Bad Name” come 30 anni fa. Questo è un disco socialmente consapevole. C’è una canzone sui soldati e veterani di guerra affetti da PTSD (Post Traumatic Stress Disorder); c’è una canzone sulle sparatorie di massa in Ohio e Texas. Sono canzoni su argomenti importanti.

Jon molto umile e commosso ha poi parlato del periodo dell’abbandono di Richie Sambora avvenuto nel 2013 nel pieno del BWC Tour e ha descritto quel periodo come probabilmente il più traumatico della sua vita professionale.

JBJ – “Probabilmente la cosa peggiore che mi sia mai successa a livello professionale. Richie aveva grossi problemi con le sue cose cose e semplicemente non si è più presentato. È stato difficile. Ma la vita doveva continuare, non avrei mai voluto che fosse così. La sua incapacità di rimettersi in piedi, si era arrivati a dover scegliere tra piangere o smettere. Quindi ho deciso di piangere per un po ‘“.

Ha risposto poi a una domanda su un eventuale film Biopic sui Bon Jovi.

JBJ – “Ho adorato Bohemian Rhapsody (Queen), ho amato Yesterday (il film un po fuori dalle righe con le musiche dei Beatles) ma ho pensato che fosse un’altra diversa interpretazione della stessa cosa. Ora penso che questa cosa sia gia stata fatta con diversi punti di vista usando le canzoni. È la stessa ragione per cui i Bon Jovi non hanno mai fatto un musical jukebox a Broadway. È gia stato fatto per altre tantissime band. Ho adorato l’idea di Bohemian, quindi poi Rocketman (Elton John). Non ho visto Blinded By The Light (Film ispirato alle musiche di Bruce Springsteen). Mi piacerebbe vedere come userebbero le nostre canzoni..quindi, vabbè “.

NDR: a breve altri dettagli e traduzioni della sessione di Q&A